TUTTO DAL MONDO DELL' EDILIZIA.

venerdì, 23 Febbraio 2018 / Pubblicato il Edilizia Moderna

I climatizzatori controllabili a distanza permettono di programmare l’accensione anche da fuori casa per ritrovare al rientro la giusta temperatura.

I condizionatori gestibili anche a distanza sono la soluzione perfetta per chi vuole trovare la casa alla temperatura desiderata al proprio rientro. Perfetti per chi non ha orari prefissati e per chi ama cambiare programma, questi climatizzatori funzionano con sistema wi-fi, che consente di trasformare i propri dispositivi mobili (smarthphone e tablet) che funzionino con sistema operativo Android in un vero e proprio telecomando per accendere o spegnere l’apparecchio ovunque ci si trovi; da casa invece permette anche di impostare temperatura e modalità di funzionamento.

Necessitano di installazione da parte di tecnici specializzati e richiedono che l’abitazione sia cablata o vi sia un router (apparecchio che consente la connessione tra più reti) per il collegamento Internet. Oltre a raffrescare l’aria, la rendono anche più pulita: molti apparecchi sono dotati di filtri in grado di trattenere polvere e particelle microscopiche, e di sistemi che eseguono una purificazione attiva grazie alla produzione di atomi di idrogeno attivo e ioni di ossigeno che contrastano efficacemente virus, batteri e allergeni.

I climatizzatori  con tecnologia Smart Wi-Fi, che consentono la gestione da remoto tramite smartphone e tablet. Sono dotati di funzione che consente il controllo automatico della velocità e della temperatura, hanno sistema di distribuzione dell’aria capace di garantire un flusso con un raggio fino a 13 metri e di dispositivo che purifica l’aria grazie alla produzione di atomi di idrogeno attivo e ioni di ossigeno.

venerdì, 23 Febbraio 2018 / Pubblicato il Edilizia Moderna

Anche se imbiancare casa non è così difficile come si potrebbe pensare, serve comunque qualche nozione base: i tipi di pittura, gli utensili migliori, le principali tecniche. E poi bisogna essere ben organizzati e preparare correttamente le superfici prima di iniziare il lavoro. Sarà così assicurato un buon risultato. Tre sono le principali tipologie (Idropitture, Smalto, Tempera),  che variano a seconda delle componenti; ognuna è quindi indicata per utilizzi e ambienti diversi. Differenti sono anche la resa, l’effetto superficiale e il prezzo. Meglio non scegliere prodotti a basso costo: quelli di maggiore qualità hanno una resa decisamente superiore.

Idropitture

Si applicano su superfici interne nuove, vecchie o già verniciate l’idropittura lavabile dall’effetto liscio, opaco e vellutatoSotto questo raggruppamento rientrano formulati che utilizzano l’acqua come solvente, ma che sono differenti per caratteristiche e per impieghi. Le traspiranti sono indicate per bagni, cucine o comunque locali umidi. Le lavabili, una volta asciutte, sono adatte in assenza di problemi di umidità o condensa. Formano una superficie opaca e vellutata che può essere pulita con un panno umido. Quelle igienizzanti sono addizionate con resine acriliche, che formano un substrato inattaccabile dalle muffe. Le termoisolanti prevengono, nei casi più lievi, la formazione di condensa. Spesso il prodotto va diluito: per un buon risultato vanno sempre seguite attentamente le istruzioni dei produttori.

Smalto

Prodotto verniciante con finitura lucida, opaca o satinata, può essere scelto in qualsiasi colore. Sono preferibili quelli all’acqua, perché inodori e con bassissimi livelli di emissioni nocive. Non sono dunque fastidiosi per le vie respiratorie e si utilizzano su pareti, serramenti, radiatori, anche se per ogni situazione ne esistono di specifici. Una volta indurito, lo smalto all’acqua è impermeabile esattamente come uno tradizionale (cioè con solventi). È lavabile, offre un elevato potere coprente ed è adatto per bagni e cucine.

Tempera

È il tipo più semplice ed economico di pittura, costituita da un impasto di gesso e collanti con pigmenti naturali. Ha prezzi molto contenuti, ma resa estetica e durata limitata. Non è lavabile e ha bassa resistenza all’umidità. Viene utilizzata soprattutto per ambienti come locali di servizio o ripostigli.

venerdì, 23 Febbraio 2018 / Pubblicato il Edilizia Moderna

Scopriamo come si articola la realizzazione di una parete divisoria capace di dividere un locale grande in altri più piccoli, in modo da distribuire meglio gli spazi della nostra abitazione. Questa soluzione potrebbe servire anche per ricavare un armadio a muro in una stanza da letto molto spaziosa.

Costruiremo il tramezzo incominciando dallo scheletro in legno o acciaio leggero e rivestendolo con dei pannelli in cartongesso. Soluzione che ci preserverà dalla posa dell’intonaco, basterà infatti stuccare e pitturare il tramezzo per avere la nostra parete finita. Quando però il divisorio non ha un andamento planimetrico rettilineo e prevede uno sviluppo articolato su una o più curve è necessario adottare un’adeguata struttura di sostegno delle lastre, che sia in grado di assecondare le richieste del progetto e che offra prestazioni di stabilità e sicurezza adeguate.

Dopo aver completato il lavoro di montaggio e fissaggio del cartongesso, occorrerà procedere alla preparazione della parete per renderla adatta alla pitturazione successiva. Sono necessari quindi alcuni importanti lavori come la stuccatura dei giunti e quella degli avvallamenti lasciati dalla chiodatura, oltre ad accorgimenti essenziali come la finitura degli angoli interni ed esterni, da eseguire necessariamente prima di procedere con la pitturazione.

Prima della decorazione finale, applicare uno strato sottile di gesso allo scopo di rendere uniforme l’assorbimento del pannello e dei giunti e capace di adattare la parete a tutti i tipi di decorazioni. Il gesso dovrà essere mescolato sino ad ottenere una crema densa che verrà applicata con il frattazzo o con la spatola. Una volta asciutta la rasatura, si procederà a carteggiare le pareti con cartavetro di grana fine.

Dopo aver carteggiato bene il tutto, si procederà alla decorazione delle pareti. Prima di procedere alla pitturazione, si consiglia di trattare le pareti con una mano di pittura isolante in modo da rendere uniforme l’ancoraggio della pittura. Infine, prevedere una finitura a due mani o se si preferisce anche 3 mani di pittura in modo da avere un risultato perfetto.

venerdì, 23 Febbraio 2018 / Pubblicato il Edilizia Moderna

La tendenza del momento sono le piastrelle in gres laminato, di spessore estremamente ridotto, anche di soli 3 mm. Presentano numerosi vantaggi, purché la posa sia effettuata a regola d’arte. Piastrelle e lastre sottili sono utilissime nelle ristrutturazioni, in quanto possono essere applicate su pavimenti e rivestimenti preesistenti, oltre che naturalmente sul massetto, spesso senza richiedere alcuna modifica alle porte (con una considerevole riduzione dei costi complessivi).

Questo tipo di rivestimento è chiamato gres laminato ed è di tendenza tra le piastrelle utilizzate per pavimenti e rivestimenti interni. Si tratta appunto di lastre sottili, quindi molto leggere, facili da maneggiare anche quando sono proposte in grandi formati (100 x 100 cm o anche 100 x 300 cm). Lo spessore ridotto offre anche altri vantaggi. Semplifica per esempio le operazioni di lavorazione: il materiale può essere tagliato, sagomato e forato con macchine automatiche e utensili per la lavorazione del vetro e del gres porcellanato.

Resistenti e versatili, sono adatte sia per pavimenti sia per rivestimenti e sono disponibili in un’ampia varietà di colori. La posa delle piastrelle laminate deve essere effettuata da personale qualificato, in quanto richiede tempo, precisione e capacità tecniche. Fondamentale è la preparazione del sottofondo: va livellato a regola d’arte in modo da non presentare avvallamenti e irregolarità. Bisogna colmare gli eventuali dislivelli con idonei prodotti di rasatura. I sottofondi cementizi devono essere perfettamente puliti da polvere, oli e grassi. Vanno inoltre asportate eventuali parti friabili o non perfettamente ancorate, come residui di cemento, calce o vernici.

Soc. Coop. Nuovi Orizzonti a.r.l.

I principi della Soc. Coop. Nuovi Orizzonti arl sono la diretta conseguenza del nostro impegno ad essere sinonimo di Qualità e Garanzia.

MOSTRA TUTTO

Via Castel Belvedere, 57 Marano di Napoli (NA)

338 7951512

info@edilbaiano.it

© 2018 soc.coop. Nuovi orizzonti a.r.l. P.Iva 07553250635

TORNA SU